Jean-Pierre Ouellet: nuove vie d’arrampicata a Moab

A Moab (USA) Jean-Pierre Ouellet ha aperto due difficili nuove vie in fessura: Zebras and Moonbeam (5.13-) e Green Belly 5.13-

Ogni anno Jean-Pierre Ouellet trascorre quasi un mese sulle rocce di arenaria attorno a Moab, USA, ripetendo vie esistenti e scovando nuove linee ancora da salire e, ancora una volta, il climber canadese è riuscito nel suo intento, con le prime salite di due belle fessure, Zebras and Moonbeam (5.13-) e Indian Creek e Green Belly 5.13- a North Wash, circa 2 ore da Moab. Dopo queste salite è riuscito ad effettuare la probabile quarta salita della famosa via di Dean Potter a Indian Creek 5.13+, Hong Kong Phooey.

Il 35enne climber canadese ci ha raccontato "In sostanza, i miei obiettivi per quest’anno per il mio pellegrinaggio annuale a Moab erano le vie Trail of Tear 5.13 e Hong Kong Phooey 5.13+. Ho iniziato testando la mia forma fisica su altre fessure di 5.13 e sono riuscito a salirne quattro molto velocemente, tra cui spicca la prima salita di Zebras and Moonbeam (5.13-). Poi mi sono recato a North Wash per la via Trail of Tears e con mia sorpresa sono riuscito nella salita flash… Il giorno dopo sono andato a cercare un’altra nuova via nella stessa zona e ho trovato un bello strapiombo, da proteggere con dei Camalot 0.75. Ho pulito la via e mi ci sono voluti un paio di tentativi per la prima salita, che ho chiamato Green Belly 5.13-.

Poi, con ancora circa due settimane a disposizione, sono andato a provare Hong Kong Phooey, la via salita da Dean Potter nei primi anni del 2000. Il tiro chiave è dato da 40m strapiombanti, e l’ho quasi chiuso al secondo tentativo, poi però mi ci sono voluti quattro giorni per la rotpunkt. L’ho fatto durante l’ultimo giorno, la temperatura era molto bassa, anzi, in realtà ha iniziato a nevicare mentre ero sul passo chiave… un’avventura!"

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *